Contaminazioni di Pizza: gusto e beneficenza in Versilia

“Eravamo quattro amici al bar”… sono le parole di Massimo Giovannini che raccontano l’evento Contaminazioni di pizza che ha visto i quattro pizzaioli di Pizza&Peace  – Massimo Giovannini (Apogeo, Pietrasanta), Graziano Monogrammi (La Divina Pizza, Firenze), Paolo Pannacci (Lo Spela, Greve in Chianti) e Giovanni Santarpia (Santarpia, Firenze)  – protagonisti di una serata a base di pizza, bollicine e vino italiano insieme a due tra i più conosciuti e apprezzati pizzaioli italiani, Franco Pepe e Renato Bosco. pizzaioli

La luce calda del tramonto accarezzava con mani dorate lo spazio esterno della pizzeria Apogeo dove veniva serviti, per iniziare, i fritti di Arà e le bollicine Ferrari, molto graditi dagli ospiti che arrivavano man mano.

 

Altra protagonista della serata, oltre alla pizza che abbiamo tutti molto apprezzato, l’amica Francesca Martinengo, che da anni combatte, con forza e coraggio, una malattia e ha fondato la sua Associazione Tutte giù per Terra (#tuttegiùperterra) a cui è stato devoluto il ricavato della serata.

Francesca

Seduti ai tavoli, sono state portate, in successione, le pizze nate dalla collaborazione dei pizzaioli, che, in un clima molto goliardico, hanno cucinato e fritto senza sosta per i 140 ospiti malgrado il caldo.

pizzaioli al lavoro

La prima pizza non poteva che essere “la nostra Margherita” con mozzarella fiordilatte, pomodorino dl Piennolo al profumo di basilico, foglie  di basilico fritto e polvere di Piennolo.

20170731_212013

La seconda pizza era la Gourmet con crema di zucchine dell’orto, concassè di pomodoro tondo maturo, tartare di gambero rosso di Mazara del Vallo e gocce di crema di zenzero

20170731_213907

E’ stata poi la volta di Franco Pepe coadiuvato dal figlio Stefano che ha portato la sua fritta Sensazioni di Costiera con aglio disidratato, peperoncino, prezzemolo, pomodoro ramato “cuore di bue”, acciuga di Cetara, limone tipo Amalfi

20170731_220551

Infine Renato Bosco ha portato la sua pizza in pala con Straccon veronese, mortadella Igp al pistacchio di Bronte e germogli di Vene Cress

20170731_224341

In chiusura una pizza dolce fritta fatta da Stefano Pepe con ricotta di bufala Il Casolare corretta con limone di Sorrento, confettura di albicocche Crimsommola del Vesuvio, granella di nocciole del Vesuvio tostate, polvere di olive caiatine, foglioline di menta

e i dolci di Lievitamente

Una serata estiva molto piacevole e gustosa dove è sempre bello vedere lavorare in armonia e divertimento i grandi della pizza uniti, spesso e volentieri, per una buona causa.

foto fine

Annunci

Contaminazioni di Pizza, il 31 luglio all’Apogeo una serata con Pizza&Peace

C’eravamo anche noi l’autunno scorso a Firenze, quando fu presentata ufficialmente l’associazione Pizza&Peace che – fondata da Graziano Monogrammi, Giovanni Santarpia, Massimo Giovannini e Paolo Pannacci  – vuole mettere in contatto e concreta collaborazione i pizzaioli “toscani” e non solo per far si’ che la pizza sia non solo una cosa buona da mangiare ma anche veicolo di educazione, cultura e solidarieta’.
Siamo dunque molto felici di presentarvi – e invitarvi a partecipare! – il primo grande evento organizzato dall’associazione: Contaminazioni di Pizza, in programma all’Apogeo – la pizzeria di Giovannini a Pietrasanta – il 31 luglio.

Continua a leggere “Contaminazioni di Pizza, il 31 luglio all’Apogeo una serata con Pizza&Peace”

Saporè Pizza Stand Up a Verona, il nuovo take away di Renato Bosco

Renato Bosco ha aperto in centro a Verona! Un nuovo locale, Sapore Pizza Stand Up, dove è possibile degustare la buonissima pizza di Saporé. Siamo tra Torre dei Lamberti e Piazza delle Erbe, precisamente in via Della Costa, e qui ripropone il format take away già presente a San Martino Buon Albergo ma pensato ad hoc per la città.

Così veronesi e turisti durante il Vinitaly hanno potuto approfittare di questa prima nuova apertura (a metà maggio dovrebbe inaugurare il locale Saporè DownTown in via Amanti 6/8 dove poter stare seduti) che propone la sua celebre pizza al trancio nella versione PizzaCrunch® e PizzaDoppioCrunch®, croccante e leggera come sempre, in tanti gusti diversi nel rispetto della stagionalità dei prodotti.

doppiocrunchstracchinoverdure (2)

Essendo a Verona per ben due giorni, non potevo non verificare di persona la bontà della pizza di Renato e così ho assaggiato qualcosina malgrado la fila fuori.

Pizza DoppioCrunch® farcito con stracchino artigianale, cipolla caramellata, zucchine e agretti

doppiocrunchstracchinoverdure

PizzaCrunch® con formaggio Monte Veronese latte intero, prosciutto cotto e asparagi verdi di Mambrotta

crunchcottoasparagi

PizzaCrunch® con gorgonzola, mozzarella fiordilatte e agretti

crunchgorgonzolaagretti

Se proprio non riuscite a placare la fame e la golosità con qualche trancio, da Pizza Stand Up c’è anche il pane, dalla tradizionale ciabatta alla rosetta soffiata imbottita, oltre quello con Pasta Madre Viva e quello al vapore, farcito in loco con materie prime di prima qualità, come la rosetta imbottita con mortadella Medaglia d’Oro Levoni.

rosettaph.magagna
Foto di Mauro Magagna

E il toast con pane in cassetta ai cereali

toastcerealitoastcereali (2)

Gli amanti del dolce possono trovare i lievitati e i biscotti artigianali ai gusti caffè e pistacchio, cioccolato e nocciole, mandorle

biscotti

Impossibile resistere alla sua colomba nella doppia versione arancia candita e cioccolato bianco e caffè. Attenzione però: da dipendenza!

 

Pizza Stand Up

via della Costa 5, Verona

aperto 7 giorni su 7

1, 100, 1000 Citta’ della Pizza!

Dopo qualche giorno – necessario per riprenderci dall’overdose di carboidrati, birra e mozzarella e dalla fatica riassumibile in circa 20 km a testa percorsi a piedi in tre giorni all’interno del padiglione del Guido Reni District che ospitava la manifestazione e nelle immediate vicinanze – ci fermiamo a fare il punto su La Citta’ della Pizza. Volendo riassumere il tutto una parola diremmo: FAN-TA-STI-CA!!! E’ vero, siamo di parte visto che io e Tania siamo state coinvolte dagli organizzatori – Emiliano De Venuti e Michela Corvino piu’ tutto il fantastico team di Vinoforum – e che Pizza On The Road e’ stato media partner dell’evento. Continua a leggere “1, 100, 1000 Citta’ della Pizza!”

Al vapore, naturale, gourmet, premiata. La pizza a Identita’ Golose 2017

Era il 2008 – quarta edizione del congresso di alta cucina piu’ importante d’Italia  – quando per la prima volta sali’ sul palco, insieme agli chef, un pizzaiolo: Simone Padoan, che ci torno’ nel 2011 con Gino Sorbillo e Luigi Dall’Amura (di Gigino a Vico Equense), accompagnati da Gennaro Esposito. Dall’anno successivo la giornata di Identita’ di Pizza e’ diventato uno degli appuntamenti piu’ attesi della manifestazione, e la pizza si e’ estesa anche fuori dalla sala dedicata, per esempio come protagonista di diversi appuntamenti di Identita’ di Champagne, per un abbinamento ormai collaudatissimo. Quest’anno, la consacrazione: a ricevere il premio della guida Identita’ Golose come Piatto dell’anno e’ stata proprio una pizza, anzi due. Sono quelle  firmate da Franco Pepe di Pepe in Grani e Sarah Minnick, pizzaiola di Lovely’s Fifty Fifty a Portland, nell’Oregon, che dopo la recente serata a 4 mani negli USA sono comparsi insieme anche sul palco di Identita’ di Pizza, dove il pizzaiolo ha fatto da “fornaio” alla collega. Continua a leggere “Al vapore, naturale, gourmet, premiata. La pizza a Identita’ Golose 2017”

Ferragosto, pizza mia ti (ri)conosco

Pizza On The Road se ne va in vacanza per qualche giorno, alla ricerca di nuove pizze da assaggiare…
Niente paura pero’, vi lasciamo con un bel regalo: qualche indirizzo collaudato – da Nord a Sud – dove andare a mangiare la vostra Buona Pizza anche a Ferragosto e dintorni.
Noi ci rivediamo a partire dal 22 agosto con nuovi post e nuove pizze! Continua a leggere “Ferragosto, pizza mia ti (ri)conosco”

Crunch&Crisp, la pizza di Renato Bosco incontra il Chiaretto a Vinitaly

foto 3
Renato Bosco con il sommelier del Consorzio Bardolino Chiaretto

E’ ancora amore tra pizza e Chiaretto: questa volta il matrimonio si e’ consumato nella citta’ di Romeo e Giulietta, per la precisione nel padiglione Pizza & Chiaretto presso la Cittadella della Gastronomia del Vinitaly dove, per tutti e 4 i giorni della manifestazione (quindi c’e’ tempo ancora oggi!) il pizza-ricercatore Renato Bosco propone diverse, buonissime tipologie del suo DoppioCrunchdiPizza in abbinamento (a rotazione) alle etichette di Bardolino Chiaretto, uno tra i piu’ amati vini rosati italiani  che  ha superato la soglia dei dieci milioni di bottiglie vendute nel 2015. Crunch & Crisp era il motto dell’iniziativa  – dove il primo termine sta ad indicare uno dei più celebri impasti di Renato Bosco, il croccantissimo e leggero doppio crunch di pizza e il secondo identifica i vini caratterizzati da freschezza e sensazioni di frutta fresca – che ha visto il padiglione sempre affollato, in particolare da giovani appassionati di pizza e vino.

Continua a leggere “Crunch&Crisp, la pizza di Renato Bosco incontra il Chiaretto a Vinitaly”

Identità Golose: la pizza è pronta per le stelle (e viceversa)?

pizza ig

Per l’ormai consueto appuntamento con Identità di Pizza bisogna aspettare oggi pomeriggio, ma intanto ieri sul palco dell’Auditorium di Identità Milano la pizza ha già fatto la sua prima comparsa, e con protagonisti di alto livello: introdotti da Paolo Marchi,  Renato Bosco, Enzo Coccia, Massimo Giovannini, Simone Padoan, Franco Pepe e Gino Sorbillo – con la partecipazione improvvisata anche della chef Cristina Bowerman, in procinto di aprire il nuovo indirizzo romano di Romeo Chef&Baker – si sono trovati a discutere su un tema scottante, quello dell’assegnazione delle stelle Michelin alle pizzerie. Insieme a loro anche Roberto Restelli, predecessore di Fausto Arrighi e Sergio Lovrinovich come direttore dell’edizione italiana della guida. Praticamente lo star system della pizza italiana, tanto per rimanere nell’ambito delle stelle.

Continua a leggere “Identità Golose: la pizza è pronta per le stelle (e viceversa)?”