Finale a Palazzo Caracciolo del contest #pizzaUnesco

Davide Civitiello con Pasqualino Rossi

Davide Civitiello con Pasqualino Rossi, Vincenzo Esposito e Maria Cacialli

E’ Davide Civitiello il vincitore del contest #pizzaUnesco ideato da Francesca Marino, amministratrice del sito mysocialrecipe.com.

La pomodorosa di Davide Civitiello

 

Davide Civitiello

La giuria presieduta da Tommaso Esposito – medico e giornalista enogastronomico – e composta da Giorgio Calabrese – medico nutrizionista, Eleonora Cozzella – giornalista dell’Espresso, Allan Bay – giornalista enogastronomico, Scott Wiener – blogger americano e dall’artista napoletano Lello Esposito, ha dichiarato di aver avuto serie difficoltà a scegliere il vincitore, ma alla fine la “pomodorosa” di Civitiello, dalla forma oblunga divisa in quattro parti, ognuna delle quali condita con un pomodoro diverso, ha messo d’accordo tutti.

 

 

Palazzo Caracciolo in via Carbonara a Napoli è stato il teatro della premiazione e successiva degustazione delle pizze in concorso. I pizzaioli finalisti si sono alternati ai due banchi preparando le loro ricette inventate per il contest.

Vivadella
La “Vivadella” di Pasqualino Rossi, con provola affumicata, mortadella di Bologna IGP, ricotta di bufala e pistacchi di Bronte.
Pizzeria Elite, Alvignano (CE)

Un bacio a Furore“Un bacio a Furore” di Vincenzo Esposito: Pizza condita con fiordilatte, olive, capperi, gamberoni, origano, olio evo, prezzemolo e buccia di limone.
Pizzeria Carmnella, Napoli

ale_2397
La figlia del presidente” Maria Cacialli e la sua “Carrettiera” con friarielli e salsicce

Pizza sorpresaLa “Pizza sorpresa” di Carmine Paduano, con il cornicione ripieno di crema di pistacchio, mortadella e provola, mentre la base del disco è condita con fior di zucca saltati, aglio e olio, provola, scaglie di parmigiano e pesto a crudo.
Antonio&Antonio, Lungomare di Napoli

ale_2499La “Pizza Tiziano” di Mauro Autolitano, con filetto di baccalà e pomodorini di Corbara
Pizzeria Totò e i sapori, Acerra (NA)

TripudioVincenzo Lettieri “Tripudio” con provola di Agerola, pomodorini del piennolo del Vesuvio DOP, e una nota piccante di nduja di Spilinga.
pizzeria Caputo, Milano

Vivi il sudLa pizza “Vivi il sud” di Bernardo Sollo, con carciofi grigliati sott’olio di Paestum, pomodori secchi dell’agro-sarnese presidio Slow Food, capperi di Pantelleria e provola di Agerola.

Nel corso della serata siamo stati invitati a firmare la petizione per sostenere la candidatura “dell’Arte dei Pizzaiuoli Napoletani” a Patrimonio Immateriale dell’Umanità. Siamo arrivati a 1,2 milioni di firme, più di metà percorso è stato fatto. Se non avete firmato ancora, fatelo qui!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...